Donazioni

fai una donazione

Newsletter

Grazie alle Newsletter dell'Ass.ne Le Sentinelle sarai sempre aggiornato sulle nostre attività.
Iscriversi al servizio è semplice e gratuito: inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail nell'apposita casella e conferma!
Le Sentinelle Ricevi HTML?

Raccomandaci su Facebook

Oasi Variconi

Fenicotteri rosa.jpg

Histats

Chi è online

 205 visitatori online

Riserva dei Variconi. Recupero steccati e pulizia

Questa mattina i membri dell’associazione Le Sentinelle Onlusdi Castel Volturno, rappresentati da Paola Castelli, Germano Ferraro, Teresa Baiano e Alessandro Motta, hanno dato il via libera al recupero di oltre  50 metri di steccati divelti, ubicati sulla Riserva dei Variconi. L’iniziativa messa in cantiere, al fine di continuare l’opera di recupero dei sentieri iniziata lo scorso mese di ottobre 2011, è stata autorizzata nuovamente dalla presidente dell’Ente Riserve foce del Volturno, Arch. Amelia Caivano.



In effetti i volontari delle Sentinelle, sono stati costretti a sopperire all’esigenza di rimuovere dei rifiuti presenti ancora nell’area retrodunale (impegno assunto dall’Astir), nonché riparare gli steccati dei sentieri e nel contempo realizzare qualche accessorio in legno per i capanni. Ancora oggi bisogna dire grazie ai volontari, che hanno sfidato il freddo e le condizioni climatiche per dare un segnale di rigenerazione ad un’area che purtroppo versa ancora in condizioni precarie.



 

Dal 27 dicembre scorso si attende ancora una risposta da parte dell’Ente comunale sulla richiesta di istituzione di un tavolo istituzionale per affrontare i veri problemi della Riserva dei Variconi, dove coinvolgere anche enti che offrono servizi e che dovrebbero vigilare e garantire una certa manutenzione anche su strutture che costeggiano l’area riserva. Ad oggi, purtroppo, gli unici ad essere impegnati sul campo senza politicizzare iniziative, sono proprio i membri di questo  gruppo di volontari, i quali nonostante le notizie pubblicate sulle pagine facebook sugli eventi promossi e sui siti appropriati, si ritrovano ad essere soli, in quanto mentre la campagna elettorale incalza e mentre la crisi istituzionale avanza, i Variconi sembrano essere divenuti il luogo dove valutare o meno l’opportunità di scendere in campo senza tornaconti politici o di visibilità associativa, oppure dove si è interessati o meno a realizzare progetti di recupero, se così possono essere definiti.



Max Ive 29 Gennaio 2012