Donazioni

fai una donazione

Newsletter

Grazie alle Newsletter dell'Ass.ne Le Sentinelle sarai sempre aggiornato sulle nostre attività.
Iscriversi al servizio è semplice e gratuito: inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail nell'apposita casella e conferma!
Le Sentinelle Ricevi HTML?

Raccomandaci su Facebook

Oasi Variconi

IMG_0035_2.jpg

Histats

Chi è online

 32 visitatori online

Beccafico

Valutazione attuale: / 12
ScarsoOttimo 

BeccaficoIl BECCAFICO, dal canto suo, quantunque uccello di scadente nobiltà, ha in dialetto nostrano un nome di tutto rispetto e di straordinaria antichità. Veniva chiamato FUCETOLA... Pensate, FUCETOLA che sembra quasi una parola sconcia, è invece un termine che fa piegare la fronte proprio perché ricco di una grandezza semantica straordinaria.

FUCETOLA deriva direttamente dal latino e arriva nel nostro dialetto per filiazione diretta, senza cioè nessun collegamento alla lingua di Dante. FUCETOLA è composto da FICUS (FICO) e EDERE (MANGIARE) perciò MANGIA-FICO, BECCAFICO. E non basta, perché il latino FICEDULA deriva a sua volta dal greco SUKALIDOS o meglio FUKALIDOS equivalente di MANGIA-FICO.

Ancora più singolare poi è l'etimologia di FICATUM che deriva da FICUS. FICATUS è il FEGATO. Ma cosa ha a che vedere il FEGATO con i fichi? Niente, in apparrenza. Invece no. Ancora una volta, certe tradizioni nel tempo si sono fatte storia del lessico e sono diventate perfino fondamenti di lingua. I Romani, come ricordano Plinio il Vecchio e una ricetta culinaria di Apicio il celeberrimo cuoco romano, usavano ingrassare artificialmente le oche alimentandole con i fichi. Questo determinava l'ingrossamente abnorme del loro fegato. I francesi perpetuano ancora quest'atrocità che gli stessi Romani aborrirono fin dai tempi dell'impero. FICATUM IECUR era dunque il fegato (IECUR in latino che deriva dal greco HEPAR equivale a fegato) ingrossato con i fichi. Col tempo FICATUM diventò la pars pro toto e sostituì addirittura l'espressione diventando identificativo dell'organo anatomico stesso.

E per finire sulle FUCETOLE, c'è da ricordare un detto spesso pronunziato senza cognizione del senso: NA BBOTTA DDOJE FUCETOLE! Ovvero: CON UN COLPO DUE BECCAFICHI. E' un'espressione che credo di gran lunga più comprensibile di DUE PICCIONI CON UNA FAVA. Mentre posso capire che con un colpo di fucile si possono far fuori due beccafichi, non ho mai capito come con una fava si possano prendere due piccioni (a meno che non siano piccioni siamesi o coprofagi!).


a cura di Vittorio Russo