Donazioni

fai una donazione

Newsletter

Grazie alle Newsletter dell'Ass.ne Le Sentinelle sarai sempre aggiornato sulle nostre attività.
Iscriversi al servizio è semplice e gratuito: inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail nell'apposita casella e conferma!
Le Sentinelle Ricevi HTML?

Raccomandaci su Facebook

Oasi Variconi

DPP_00136.jpg

Histats

Chi è online

 108 visitatori online

Pesca illegale a Castel Volturno

 

 

Blitz della Guardia Costiera: sequestrati 4 quintali di telline.

 

 

 

 

Pericolo della pesca illegale a Castel Volturno: la Guardia Costiera, a seguito di diverse segnalazioni, hanno scoperto e sequestrato lungo il litorale domitio un quantitativo di circa quattro quintali di telline, la cui pesca è assolutamente vietata, per tutto il mese di aprile perché in fase di riproduzione. La raccolta illecita dei frutti di mare doveva essere poi immessa sul mercato nero, senza alcuna tracciabilità del prodotto, grazie al consenso di pescherie complici.

 

All'arrivo dei militari alcuni pescatori abusivi, temendo il peggio, si son dati alla fuga lasciando incustodita l'attrezzatura utilizzata per la pesca a mano del prodotto ittico; gli altri invece, rimasti li ed impossibilitati a scappare, hanno subito elevate sanzioni amministrative, oltre al sequestro dei numerosi attrezzi da pesca. Sequestrato il tutto, alla fine il prodotto ittico è stato gettato nuovamente in mare, con lo scopo di favorire la riproduzione dei frutti.

 

Il donax trunculus, conosciuto comunemente con il nome di tellina, è un mollusco presente nel mar Mediterraneo, in acque superficiali su fondali sabbiosi da 0 a 2 metri di profondità. Si tratta di una conchiglia, di diametro massimo di 3 centimetri. La raccolta di questo mollusco viene in Italia praticata comunemente. Essa viene fatta mediante un attrezzo chiamato "rastrello da natante", molto simile a quello utilizzato per la pesca delle vongole, trainato da imbarcazioni in possesso di licenza di pesca.

 

Tale attività può essere fatta in tratti di mare ben definito, classificato dagli organi di competenza con la lettera "A", che indica acque da cui provengono prodotti che possono andare direttamente sul mercato, altrimenti deve essere avviato ad un trattamento di depurazione presso dei centri autorizzati. La raccolta manuale invece avviene attraverso uno strumento formato principalmente da un setaccio, che raccoglie le telline e le separa dalla sabbia.Tale strumento viene azionato mediante una fascia intorno alla vita, che serve per spostarlo in orizzontale, e da un lungo manico che fuoriesce dall'acqua.

 

Insomma, sappiam tutti che le telline sono davvero buone... ma cerchiamo di pescarle quando la regola lo permette. E soprattutto... evitiamo che ci siano impatti negativi sull'ecosistema marino!!!