Donazioni

fai una donazione

Newsletter

Grazie alle Newsletter dell'Ass.ne Le Sentinelle sarai sempre aggiornato sulle nostre attività.
Iscriversi al servizio è semplice e gratuito: inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail nell'apposita casella e conferma!
Le Sentinelle Ricevi HTML?

Raccomandaci su Facebook

Oasi Variconi

Gabbiano comune.jpg

i nostri sponsor

Radio Punto Nuovo

Bar Boccone

InEco Share

Villa La Tortuga


Histats

Chi è online

 89 visitatori online
Home Radio Punto Nuovo ->Trasmissione del 24 Gennaio 2013

Differenziare l'Umido - Trasmissione del 24 gennaio 2013

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Differenziamo l'umido    - Trasmissione del 24 Gennaio 2013

clicca su play per ascoltare     

 

L’Umido o organico, va messo innanziturro nei  sacchetti  in mater-bi (biodegradabili) e, solitamente, nei bidoncini marroni da 10 lt o nei contenitori condominiali. Lo scarto umido può  essere smaltito anche attraverso il compostaggio domestico  

 

Ma cosa mettere nel sacchetto compostabile?
All’inizio ci vuole un minimo di attenzione, ma dopo poco tempo raccogliere correttamente gli scarti organici diventerà un’abitudine. Ecco cosa mettere nel contenitore dell’umido:

 

Scarti di frutta e verdura (comprese parti legnose, frutta secca e noccioli);

Scarti domestici di carne e pesce (anche lische, frammenti di osso, piume), gusci d'uovo;

Scarti di cucina, avanzi di cibo (sia crudi che cotti purché freddi) eliminando i liquidi in eccesso;

Riso, pane, biscotti, pasta e farinacei; Alimenti avariati senza confezioni;

Fondi di caffè, filtri di tè, di camomilla e di altre bevande ad infusione (se non hanno la graffetta metallica);

Tovaglioli di carta usati o imbrattati con residui di alimenti (ma solo se bianchi, come abbiamo già detto in un'altra trasmissione);

Fazzoletti di carta usati; Semi, fiori recisi, resti e foglie di piante d'appartamento  (no se sono malate)

 

Cosa invece, evitare per non compromettere la raccolta?
Alcuni scarti compromettono la raccolta dell'umido e non vanno mischiati all'organico:

Valve di molluschi, assorbenti igienici, pannolini, pannoloni, tessuti, stracci, medicinali, garze e cerotti e ovviamente tutto cio’ che non è biodegradabile

Liquidi; Contenitori di cibi (vasetti yogurt, buste mozzarella, confezioni affettati); Carta per confezioni alimentari (carta oleata, plastificata o con alluminio);

Olio; Mozziconi di sigaretta; Polvere o altri materiali di pulizia per i pavimenti e per la casa; Prodotti chimici;

Plastica non compostabile (non certificata ai sensi della norma UNI-EN 13432-2002).

 

Per il RIUSO oggi utilizziamo i fondi del caffè

I fondi del caffè sono un ottimo esfoliante naturale per la pelle. Basta applicare sul corpo con movimenti circolari, massaggiare e risciacquare uno scrub naturale per il corpo, che vi aiuterà nella rimozione delle cellule morte

Caffè avanzato o fondi di caffè possono essere utilizzati per arricchire il vostro compost o il terriccio da utilizzare per le vostre piante al momento del travaso è meglio non eccedere e amalgamarlo bene alla terra, se no si rischiano le muffe!

Per eliminare gli odori dal vostro frigorifero e anche nel congelatore basterà mettere una tazzina contenente i fondi di caffè. Per il congelatore si possono mettere i fondi in una calza (collant vecchio)

Tritando dell'aglio, sbucciando una cipolle o affettando dei porri, vi potrebbe capitare che il loro odore si trasferisca in maniera persistente sulle vostre mani. Sfregatele con un pochino di polvere di caffè recuperata da un fondo prima di passarle sotto l'acqua per risolvere il problema