Donazioni

fai una donazione

Newsletter

Grazie alle Newsletter dell'Ass.ne Le Sentinelle sarai sempre aggiornato sulle nostre attività.
Iscriversi al servizio è semplice e gratuito: inserisci il tuo nome e il tuo indirizzo e-mail nell'apposita casella e conferma!
Le Sentinelle Ricevi HTML?

Raccomandaci su Facebook

Oasi Variconi

DPP_00136.jpg

Histats

Chi è online

 134 visitatori online

Arte: Chiude i battenti la collettiva d’arte contemporanea svoltasi a Marano

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Chiude i battenti la mostra “Percorsi”, collettiva d’arte contemporanea, svoltasi a Palazzo Merolla, a Marano di Napoli

“PERCORSI” che si doveva svolgere dal 14 al 28 gennaio a prolungato la sua presenza fino al 5 febbraio per il grande consenso, oltre un migliaio di visitatori.

Organizzata per l’apertura dell’anno sociale del Centro culturale Arianna, gli artisti soci di Arianna hanno scelto tre opere per illustrare un loro personale percorso..

All’inaugurazione hanno partecipato il Sindaco Dott. Mario Cavallo, l’Assessore alla cultura Dott. Gaetano Bonelli e l’Assessore all’urbanistica e ai lavori pubblici Arch. Emma Buondonno. A commentare le opere e i “percorsi” è intervenuto il critico d’arte Prof. Angelo Calabrese.

Nelle 29 minipersonali ciascun artista ha illustrato un suo personale viaggio nell’arte. Sono almeno due le linee guida: percorsi volti ad illustrare le tappe successive della maturazione intesa come padronanza degli strumenti e delle tecniche, oppure percorsi di ricerca.

I più interessanti sono i percorsi della ricerca perché spaziano dalla ricerca di una propria identità, che si realizza attraverso tecniche e stili diversi, a quella più propriamente espressiva applicata ad un’idea o a un concetto dominante. Sono, questi ultimi, percorsi dell’intelletto o dei sentimenti che durano nel tempo e si ripropongono, oppure sono percorsi fatti di idee e percezioni che si esprimono (e si concludono) in uno spazio temporale limitato e circoscritto. Appartengono a questo gruppo artisti che nel loro percorso hanno inteso proporre temi politici e sociali, oppure artisti che hanno voluto esprimere ciò in cui più si riconoscono o sono riconoscibili.

Discorso a parte meritano i più giovani: il loro percorso rimanda ad una maturazione in cui padronanza della tecnica e ricerca tematica si incrociano con un evidente entusiasmo.

Hanno esposto gli artisti: Giuseppina Acquarulo, Aurora Baiano, Lorenzo Basile, Giovanni Boccia, Maria Luisa Brignola, Giovanna D’Amodio, Francesco De Sanctis, Andrea delle Donne, Maria Fece, Francesco Giraldi, Aida Guardai, Erika Guglielmelli, Carmela Lallo, Maria Pia Lamba, Pasquale Lamitella, Immacolata Maddaloni, Vittorio Musella, Franca Maria Pace, Jongo Park, Vincenzo Piatto, Marcello Pilia, Francesco Porzio, Marianna Ragucci, Luciano Romualdo, Ernesto Schiano, Anna Sepe, Alessandra Trischitta, Paolo Uttieri, Bruno Villani.

La rivista trimestrale “Le Radici del Futuro”, di Maria Mezzina ha dedicato alla mostra un inserto "ARTE" con le foto di tutte le opere e un profilo di ogni artista. Copertina dell'inserto una foto di Pasquale Lamitella, si tratta di uno scatto fatto alla Riserva dei Variconi ed elaborato dal fotografo. Quando la fotografia si sposa con l’immaginazione, la sperimentazione digitale sulle foto si sublima nella ricerca del vero fantastico...

 

Testo dell’intervento di saluto di Immacolata Maddaloni Presidente di Arianna

Arianna è un’associazione non a scopo di lucro, ormai più che ventennale, che - come la mitica principessa con il suo filo ha aiutato Teseo ad uscire dal labirinto - è nata per aiutare gli artisti ad uscire dal buio e a renderli visibili. Si tratta di un gruppo reale e non virtuale come tanti che prolificano sul web.

L’associazione vuole dar voce a chi non ha voce. Quello degli artisti è spesso un mondo chiuso, colpa dei critici, forse, dei galleristi, degli artisti stessi, probabilmente.

Perché l’Arte è tale se è comunicazione, manifestazione di stati d’animo e capace di generare stati d’animo; è Arte se serve a raccontare cosa bolle dentro, a dare un messaggio, ad esprimere meraviglia. Non può essere pensata in funzione di un guadagno e tanto meno come espressione di una presunta “libertà” che sconfina con la volgarità e la pornografia. Chi strilla può stare pure a casa sua, oppure andare altrove.

Molti artisti sono nati in Arianna. Poi hanno camminato da soli, alcuni sono diventati importanti, alcuni hanno dimenticato le origini, alcuni si sono persi smarrendo l’idea iniziale di Arte.

Diversamente da altre, il bello di quest’ultima mostra, “Percorsi”, è di avere visto la crescita di molti artisti soci di Arianna da anni. E di avere accolto nuovi artisti e alcuni giovani che debbono crescere, ma che promettono bene.